Prototipazione in cera. La nuova proposta di Microvalle


Microvalle conferma la sua volontà di proporre nuove soluzioni sul mercato e ha affiancato al servizio di protofusione in resina, già attivo in azienda da 3 anni, l’offerta di protofusione in cera.

“La decisione di proporre questa soluzione va nella direzione di strutturare un’offerta sempre più in linea con ciò che i clienti ci stanno chiedendo” afferma Stefano Zanotto, titolare di Microvalle “infatti la protofusione in cera è diversa da quella in resina e riesce a far fronte in modo migliore ad alcune particolarità realizzative. Per esempio coniuga la libertà creativa dei designer con la massima qualità di fusione del materiale, permette di ottenere oggetti più complessi e strutturati nel peso e concede la possibilità di realizzare tirature anche minime”.

Microvalle per la protofusione in cera utilizza macchinari della statunitense 3D System, non solo all’avanguardia tecnicamente, ma anche in grado di offrire compatibilità con i principali software di design e progettazione utilizzati dalle aziende del gioiello. Scelta questa che avvalora le motivazioni che recentemente hanno indotto Confartigianato Vicenza a premiare Stefano Zanotto come Imprenditore d’Eccellenza per la sua capacità di Innovare con Efficienza e Qualità.